Contributi all’imprenditoria femminile: Contributo a fondo perduto pari al 30% degli investimenti sostenuti dalle imprese femminili… #zctradingvr #impresefemminili #donneimprenditrici

Categorie Bando, Contributi Europei

Soggetti Beneficiari

Sono ammissibili le PMI dei seguenti settori:

– artigianato

– industria

– commercio

– servizi

che svolgono attività ATECO elencata nel allegato Be che rientrano in una delle seguenti tipologie:

i) imprese individuali di cui sono titolari donne residenti nel Veneto da almeno due anni;

ii) società anche di tipo cooperativo i cui soci e organi di amministrazione sono costituiti per almeno 2/3 (due terzi) da donne residenti nel Veneto da almeno 2 anni e nelle quali il capitale sociale è per almeno il 51% di proprietà di donne.

 

Tali requisiti devono:

a) sussistere al momento della costituzione dell’impresa, se si tratta di nuova impresa;

b) sussistere da almeno sei mesi prima della data di apertura dei termini per la presentazione della domanda, se si tratta di impresa già esistente;

c) permanere dopo la presentazione della domanda sino al termine di 3 anni successivi alla data del decreto di erogazione del contributo, pena la decadenza dal diritto al contributo concesso con conseguente revoca totale dello stesso.

Ambito territoriale

Veneto

Programmi ammissibili

Investimenti produttivi.

Spese ammissibili

Spesa minima 30.000 Euro, spesa massima ammissibile 170.000 Euro.
Spese comprese tra il 01-01-2019 ed il 09-12-2019.

Sono ammissibili le spese rientranti nelle seguenti categorie:
a) macchinari, impianti produttivi, hardware e attrezzature; 
b) arredi: nel limite massimo di euro 15.000;
c) negozi mobili o il solo allestimento interno: per le imprese che svolgono l’attività di commercio su aree pubbliche;
d) mezzi di trasporto, max 20.000 Euro per le sole imprese che svolgono le seguenti attività: 
“C” Attività manifatturiere, 
“E” Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento, 
“F” Costruzioni, 
“G” commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli, 
“H” Trasporto e magazzinaggio ;
e) impianti tecnici di servizio agli impianti produttivi: ad esempio, gli impianti di alimentazione di vettori energetici primari e secondari, energia elettrica, gas, aria compressa.
F) programmi informatici e creazione di siti web max 10.000 Euro.  Non saranno finanziati i costi sostenuti per la creazione di pagine di “social media” o di creazione/gestione di newsletter o mailing list o similari.

Tra le spese non ammissibili vi sono:
– beni usati
– beni in leasing
– consulenze e pubblicità
– contratti di franchising

Agevolazione c/capitale

Regime de minimis
Contributo a fondo perduto, pari al 30% della spesa rendicontata:
• nel limite massimo di euro 51.000 corrispondenti a una spesa rendicontata ammissibile pari o superiore a euro 170.000;
• nel limite minimo di euro 9.000 corrispondenti a una spesa rendicontata ammissibile pari a euro 30.000.

Obbligo di rendicontazione del 70% del prenotato.

L’agevolazione è cumulabile nei limiti della normativa UE.